L’ALIMENTAZIONE CORRETTA

Purtroppo spesso le persone mangiano in modo sbagliato senza prestare attenzione alla salute.

La salute è un bene che si ottiene e che si conserva con un’alimentazione razionale. E’ importante avere un peso corporeo normale, ma per questo è necessario alimentarsi con una dieta equilibrata.

Bisogna collegare alimentazione e salute e fornire all’organismo tutti i nutrienti necessari nelle giuste proporzioni sin dai primi anni di vita, in modo da ridurre o annullare il rischio di malattie croniche.

Oltre alla dieta equilibrata è necessario l’incremento dell’attività fisica per ridurre soprattutto il rischio di obesità.

L’obesità ormai sta aumentando in molti paesi e purtroppo è associata a varie patologie.

L’obesità è causata principalmente da uno squilibrio tra quantità di energia introdotta nell’organismo con l’alimentazione e quantità di energia consumata. In alcuni casi particolari è dovuta ad altri motivi.

Nell’obesità si ha un eccessivo accumulo di grasso corporeo. Bisogna valutare sia l’aumento della quantità assoluta del grasso, sia la distribuzione del grasso in punti precisi del corpo. E’ possibile misurare la distribuzione del grasso corporeo con diversi metodi ( es. rapporto della circonferenza della vita e dei fianchi ecc.)

La popolazione viene classificata in base al peso in base al BMI = indice di massa corporea. Per le persone di età inferiore a 19 anni vengono usati altri metodi.

Quindi il BMI (body mass index) è un indicatore del grasso corporeo ed è il rapporto tra peso corporeo (in kg) e il quadrato dell’altezza (in m).I valori superiori a 25 sono anormali. Le persone con valori di 25-30 sono in sovrappeso; quelle con valori superiori a 30 sono obese.

I valori calorici delle sostanze alimentari sono: 4,1 Kcal/g per i glucidi; 9,3 Kcal /g per i lipidi; 5,3 Kcal/g per le proteine.

Ad esempio, un uomo che pesa 65 Kg, non sedentario, ha bisogno di 2800 Kcal al giorno, dovrebbe assumere 65 g di proteine al giorno,  che procurano 267 Kcal ( 65×41 cioè la quantità delle proteine in grammi moltiplicato per le calorie sviluppate da 1 grammo di proteine). I lipidi dovrebbero essere circa 50 60 grammi al giorno. I glucidi apportano il resto del fabbisogno energetico.

Esistono delle raccomandazioni  utili per realizzare una dieta, ma queste sono un punto di riferimento e non dovrebbero essere usate in modo rigido. Cioè sono:

1- RNI, assunzione di nutrienti raccomandato. La tabella RNI considera la quantità più rilevante raccomandata per ogni nutriente.

2- RDA, dose giornaliera raccomandata di macronutrienti e micronutrienti che un individuo sano dovrebbe assumere per soddisfare il suo fabbisogno giornaliero.

3- DRV, i valori di riferimento per le diete. Costituiscono l’insieme di raccomandazioni e valori nutrizionali di riferimento. Sono usati , ad esempio, per definire i valori di riferimento delle etichette alimentari. Queste sono stime qualitative del fabbisogno umano di nutrienti essenziali considerato adeguato a soddisfare le necessità di tutte le persone in salute.

Per realizzare una sana alimentazione la persona deve essere informata correttamente per poter essere in grado di apportare miglioramenti alla propria dieta.

Dunque, è importante introdurre con i cibi una quantità di energia proporzionata a quella che spendiamo. Cioè dobbiamo cercare di mantenere in equilibrio il nostro bilancio energetico. Altrimenti si ha la tendenza ad ingrassare. Infatti, se assumiamo alimenti in eccesso, l’energia introdotta viene trasformata in grasso di riserva. Lo squilibrio energetico può causare patologie.

Gli alimenti devono apportare nutrienti, cioè proteine, grassi, carboidrati, vitamine, sali minerali e acqua.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.